Home » Mission

Mission

Beyond Thirty-Nine is a Hong Kong-base independent platform focused on culture that aims to be a gathering place and assembly of people interested in literary and intellectual activities.

Our first vocation is to be a point of reference not only for writers and journalists, but especially for literature lovers, aspiring writers, artists and art enthusiasts, and for whoever wants to deal with cultural, aesthetic, educational, edifying and civilizing issues.

Also, our mission is to be a springboard for new authors with peculiar and distinctive voices, providing a qualified support and being a bridge through the first phases of the creative development. As such, Beyond Thirty-Nine represents an exclusive boutique stage, with a competent and passionate audience.

Beyond Thirty-Nine has a distinguished list of books and articles. Particular areas of specialty include history, journalism, architecture, historical and literary fiction, narrative nonfiction, biography, journalism, health and business.

 

___________

 

Il titolo è importante. Perché rispecchia uno stato d’animo, un orientamento prima ancora di una strategia. Il titolo vuole dire: voglio andare oltre i confini e i limiti del nostro essere Italiani e, quindi, metaforicamente, del nostro prefisso nazionale, +39. In questa nuova impresa che stiamo coraggiosamente lanciando, e nei comportamenti di ogni giorno.

Non raccogliamo più gli inviti generici all’unità, allo stringiamoci a coorte, perché non ci riconosciamo più in un’Italia che è diventata solo qualcos’altro, uno strano essere che mangia se stessa vivendo alle spalle di un patrimonio secolare, e nutrendosi di sprechi e di mediocrità – punendo i deboli. Quando la presunta salvezza (di chi?) passa per lo stritolamento solo degli onesti, per lo schiacciamento dei deboli e per la distruzione del futuro dei nostri giovani, allora è il momento di smarcarsi, di prendere le distanze. A meno di diventare complici di un crimine storico, questa volta non imbevuto delle ideologie del novecento, ma della finanza predatoria.

Spiace dirlo? Non lo sappiamo. Parliamo duramente di un’altra Italia, di quella cui ci siamo ridotti, che spesso ci sconvolge e ci umilia, non della patria che ci rimane nel cuore. Siamo figli di altri principi e di altri sogni, di altri sacrifici e doveri. E sempre più sentiamo urgenti le radici Cristiane, la bellezza e la forza di sentimenti e richiami antichi, genuini, privi di orpelli: Ama il prossimo tuo, Non rubare… 

Beyond Thirthy-Nine: questa società nasce da Italiani che non a caso non vivono più in Italia, ma cercano all’estero, in Asia, un sogno ancora possibile, uno scopo migliore. Che credono in prospettive positive, in un percorso che è di crescita personale e sociale prima che successo competitivo.

Vogliamo essere un ponte tra un’Italia pulita e netta e un mondo che ha bisogno di serietà, di competenza e di creatività, ma anche di gioia, di tranquillo ottimismo, di voglia di stare insieme e di fare. Vogliamo raccogliere e canalizzare idee e infine vogliamo pubblicarle, sì, perché l’arte è anche comunicazione. Ecco dunque il perché di una piattaforma indipendente e anomala, che prima di tutto vuole essere gathering place o assembly.

Vogliamo lasciarci alle spalle i saprofiti per guardare avanti, per spaccare qualche zolla e piantare qualche seme: è così che s’inizia. Con umiltà, sicuri che ci saranno errori e aggiustamenti, che cento volte ci correggeremo, che non ci fermeremo a metà strada.

La nostra è pertanto una società aperta e selettiva: cerchiamo tutti gli onesti “beyond thirthy-nine” che percorrono strade lontane senza perdersi d’animo, senza smarrire principi e visione. Cerchiamo voci e percorsi nuovi, con gusto, con allegria.

Perché uno spazio, una speranza c’è sempre.